La “nuova privacy”.

L’entrata in vigore del regolamento europeo General Data Protection Regulation ha apportato significative novità in relazione al trattamento dei dati personali anche per gli avvocati. L’avvocato, infatti, nonché ogni altro professionista, tratta ogni giorno dati personali a partire dall’analisi di una richiesta di incontro con il cliente e fino alla richiesta di pagamento del compenso, divenendo dunque titolare del trattamento dei dati personali.

Gli interessi in gioco che devono essere bilanciati sono rappresentati dal diritto alla riservatezza del singolo e quello al trattamento da parte del responsabile. La manifestazione del consenso altro non è, dunque, che l’incontro tra la libertà personale individuale e quella informativa e il consenso dell’interessato rappresenta il meccanismo per bilanciare i predetti interessi contrapposti.

Il consenso deve essere espresso in modo inequivoco, essendo, così, esclusa ogni forma tacita di espressione del consenso. Deve inoltre essere libero e informato. Nell’informativa devono essere dettagliate tutte le informazioni essenziali all’esercizio dei diritti del soggetto interessato, quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, l’indirizzo di posta elettronica per le comunicazioni. L’informativa dovrà modellarsi alle finalità del trattamento dei dati: se negli anni le modalità del trattamento venissero modificate sarà necessario modificare anche l’informativa con conseguente acquisizione di un nuovo consenso. Il consenso, infine, deve essere specifico e non generico.

La responsabilità gravante sul titolare dei dati personali inizia con l’elaborazione del servizio, nonché con la definizione del processo per il trattamento dei dati, con la definizione delle misure di sicurezza e, infine, con l’archiviazione degli stessi. Con l’entrata in vigore del regolamento europeo n. 679/2016, la compliance diviene dunque un processo da garantire ab origine, ancor prima dell’inizio del trattamento dei dati.







Pubblicato il: 30 maggio 2018

richiedi una consulenza online oppure fissa un appuntamento

Il team di Studio Legale Guffanti è a tua disposizione per una consulenza altamente qualificata, on line, al costo di 60 euro più Iva, inviando i documenti necessari alla valutazione del caso che intendi sottoporre alla nostra attenzione. Ricorda che la consulenza on line è pratica e veloce. Potrai quindi ottenere un nostro parere legale (via e-mail o su Skype studiolegale.guffanti, sarai tu a indicarcelo), in tempi davvero rapidi.


© Copyright 2012 Studio Legale Guffanti, Partita IVA 02975120136 - All rights reserved