INPS, bonus per servizi di baby-sitting COVID-19.

L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, in ottemperanza a quanto previsto nel decreto Cura Italia – che ha introdotto  misure a sostegno dei lavoratori, delle famiglie e delle imprese -, sta mettendo a punto, in questi giorni, le indicazioni inerenti le procedure telematiche che andranno utilizzate per inviare le domande di accesso ai trattamenti previsti.

Di seguito le singole prestazioni previste dal Governo.

 

3) BONUS PER SERVIZI DI BABY-SITTING COVID-19

Tenuto conto della sospensione dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività didattiche nelle scuole, è prevista la possibilità di fruizione di un bonus per i servizi di baby-sitting, per le prestazioni effettuate nei periodi di chiusura scolastica.

Il bonus (che è erogato mediante libretto famiglia di cui di all’articolo 54-bis della legge 24 aprile 2017, n. 50. A tal fine bisognerà registrarsi tempestivamente come utilizzatori di libretto Famiglia sul sito INPS, nell’apposita sezione dedicata alle prestazioni occasionali > “Libretto Famiglia link”) spetta:

– ai genitori di figli di età inferiore a 12 anni alla data del 5 marzo 2020;

– anche in caso di adozione e affido preadottivo;

– oltre il limite d’età di 12 anni, in presenza di figli con handicap in situazione di gravità, purché iscritti a scuole di ogni ordine grado o ospitati in centri diurni a carattere assistenziale.

Il voucher baby-sitting spetta, fino ad un massimo di 600 euro per famiglia, per le seguenti categorie di soggetti:

a) lavoratori dipendenti del settore privato;

b) lavoratori iscritti alla Gestione separata di cui all’art. 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335;

c) lavoratori autonomi iscritti all’INPS;

d) lavoratori autonomi non iscritti all’INPS (subordinatamente alla comunicazione da parte delle rispettive casse previdenziali);

e) ai lavoratori dipendenti del settore sanitario, pubblico e privato accreditato, appartenenti alle seguenti categorie: medici, infermieri, tecnici di laboratorio biomedico, tecnici di radiologia medica, operatori sociosanitari, personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, impiegato per le esigenze connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Per i soggetti di cui alla precedente lettera e) il bonus: è erogato dall’INPS mediante il libretto famiglia, con riferimento alle prestazioni rese a decorrere dal 5 marzo per i periodi di sospensione delle attività didattiche; l’importo complessivo spettante può arrivare ad un massimo di 1.000 euro per nucleo familiare. 

Alcune precisazioni: 

non si ha diritto al bonus:

– se l’altro genitore è disoccupato/non lavoratore o con strumenti di sostegno al reddito;

– se è stato richiesto il bonus alternativo per i servizi di baby-sitting;

è possibile cumulare:

– nell’arco dello stesso mese il congedo COVID-19 con i giorni di permesso retribuito per legge 104 così come estesi dal decreto Cura Italia (6 + 12 per marzo e aprile);

– nell’arco dello stesso mese il congedo COVID-19 con il prolungamento del congedo parentale per figli con disabilità grave.

La domanda per il bonus per servizi di baby-sitting, può essere presentata per ogni figlio di età inferiore a 12 anni (limite superabile in caso di minori portatori di handicap grave), fermo restando il limite complessivo di 600 euro ovvero di 1.000 euro per il nucleo familiare ammesso al beneficio; avvalendosi della modulistica ufficiale che a breve sarà messa a disposizione dall’INPS e della cui disponibilità sarà data tempestiva comunicazione con apposito messaggio dell’Istituto con le seguenti consuete modalità:

WEB www.inps.it – sezione “Servizi online” > “Servizi per il cittadino” > autenticazione con il PIN dispositivo (oppure SPID, CIE, CSN) > “Domanda di prestazioni a sostegno del reddito” > “Bonus servizi di baby-sitting”;

contact center integrato: numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o numero 06 164.164 (da rete mobile con tariffazione a carico dell’utenza chiamante);

patronati: attraverso i servizi offerti gratuitamente dagli stessi.







Pubblicato il: 24 marzo 2020

richiedi una consulenza online oppure fissa un appuntamento

Il team di Studio Legale Guffanti è a tua disposizione per una consulenza altamente qualificata, on line, al costo di 60 euro più Iva, inviando i documenti necessari alla valutazione del caso che intendi sottoporre alla nostra attenzione. Ricorda che la consulenza on line è pratica e veloce. Potrai quindi ottenere un nostro parere legale (via e-mail o su Skype studiolegale.guffanti, sarai tu a indicarcelo), in tempi davvero rapidi.


© Copyright 2012 Studio Legale Guffanti, Partita IVA 02975120136 - All rights reserved