Covid-19: come raccogliere e smaltire i rifiuti domestici all’interno del Condominio.

L’emergenza epidemiologica ha imposto a tutti di rivisitare il proprio comportamento quotidiano, cambiando abitudini e pratiche consolidate.

Soprattutto all’interno dei Condomini (luoghi di stretta convivenza tra persone) dove il rischio e la diffusione del contagio è più elevato, viene chiesto ad ognuno di adottare misure di buon senso anche nella gestione dei rifiuti domestici.

Proprio allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus Covid-19, l’Istituto Superiore di Sanità ha fornito una serie di indicazioni differenziate su come raccogliere e gettare i rifiuti domestici in questo periodo di emergenza sanitaria.

In sintesi, per i nuclei familiari interessati dal contagio da Covid-19 o sottoposti a quarantena obbligatoria:

  • I rifiuti urbani prodotti presso la propria abitazione non devono più essere differenziati.
  • Per la raccolta è necessario utilizzare due o più sacchetti, posizionati uno dentro l’altro all’interno del contenitore utilizzato normalmente per i rifiuti indifferenziati, possibilmente adoperando i contenitori con apertura a pedale.
  • Tutti i rifiuti prodotti (plastica, vetro, carta, umido…) devono essere raccolti nello stesso contenitore utilizzato per i rifiuti indifferenziati (rifiuto secco residuo).
  • I fazzoletti, la carta assorbente da cucina, le mascherine, i guanti e i teli monouso devono essere raccolti nel contenitore utilizzato per i rifiuti indifferenziati (rifiuto secco residuo).
  • I sacchetti devono essere chiusi con cura, indossando guanti monouso, utilizzando i lacci di chiusura o nastro adesivo ed evitando di schiacciarli.
  • I guanti utilizzati per la chiusura dei sacchetti devono essere raccolti nei nuovi sacchetti preparati per la raccolta indifferenziata. Al termine di tale operazione è necessario lavarsi le mani con cura.
  • I rifiuti indifferenziati, confezionati come sopra indicato, devono essere conferiti quotidianamente ai cassonetti stradali o ai cassonetti condominiali. Nel caso di servizio porta a porta si dovrà conferire quotidianamente i sacchetti nel mastello fornito dal gestore, che dovrà essere posto al di fuori dell’abitazione, e procedere quindi all’esposizione dello stesso secondo le modalità e le tempistiche in vigore nel comune di residenza.
  • Gli animali da compagnia non devono entrare in contatto con i rifiuti indifferenziati. In caso di raccolta porta a porta è possibile richiedere al gestore del servizio di raccolta dei rifiuti urbani, esclusivamente da parte dei nuclei familiari interessati dal contagio da Covid-19 o in quarantena obbligatoria, una maggiore frequenza di asporto e un contenitore di capienza maggiore per la raccolta dei rifiuti indifferenziati. Qualora il nucleo familiare fosse impossibilitato a conferire i rifiuti autonomamente al servizio di raccolta, potrà richiedere alle autorità competenti l’assistenza per tale mansione, nell’ambito dei servizi assistenziali già messi a disposizione nel periodo emergenziale. Le modalità di gestione dei rifiuti urbani prodotti dai nuclei familiari interessati da Covid-19, ivi riportate, devono essere mantenute per i 14 giorni successivi alla dichiarata guarigione dei soggetti risultati positivi al tampone alla scadenza del periodo di quarantena obbligatoria.

Al contrario, per i nuclei familiari non interessati dal contagio da Covid-19 e non sottoposti a quarantena obbligatoria:

  • Occorre continuare ad effettuare la raccolta differenziata con le consuete modalità, separando le diverse frazioni in modo da ridurre i rifiuti indifferenziati prodotti, avendo cura di gettare nei rifiuti indifferenziati i fazzoletti di carta usati in caso di raffreddore nonché i rifiuti indifferenziati mascherine e guanti utilizzati per prevenire il contagio. Come norma di prevenzione si raccomanda di utilizzare 2 o più sacchetti, posizionati uno dentro l’altro, all’interno del contenitore usato abitualmente per la raccolta dei rifiuti indifferenziati, qualora contengano fazzoletti, mascherine o guanti; chiudere con cura il sacchetto dei rifiuti indifferenziati e conferire gli stessi al servizio di raccolta con le modalità e le tempistiche in vigore nel comune di residenza.

In conclusione, si tratta di importanti raccomandazioni a tutela e protezione della salute, che i vari Amministratori di Condominio dovrebbero divulgare ai singoli condomini, affinché tutti vengano adeguatamente informati e sensibilizzati.







Pubblicato il: 23 aprile 2020

richiedi una consulenza online oppure fissa un appuntamento

Il team di Studio Legale Guffanti è a tua disposizione per una consulenza altamente qualificata, on line, al costo di € 100 + IVA, inviando i documenti necessari alla valutazione del caso che intendi sottoporre alla nostra attenzione. Ricorda che la consulenza on line è pratica e veloce. Potrai quindi ottenere un nostro parere legale (via e-mail o su Skype studiolegale.guffanti, sarai tu a indicarcelo), in tempi davvero rapidi.


© Copyright 2012 Studio Legale Guffanti, Partita IVA 02975120136 - All rights reserved